Articoli

Benvenuti nella sezione Articoli  di Encicomix.

←  Scegli, nel menu a fianco, l'articolo che vuoi ricercare.
di seguito le ultime schede modificate

Le ninfee nere

Dal romanzo di MICHEL BUSSI

Illustrato da DIDIER CASSEGRAIN - Adattamento di FRÉDÉRIC DUVAL

Edizioni e/o

Il racconto è ambientato a Giverny, in Francia, il paese dove Claude Monet dipinse i suoi celebri quadri dedicati alle ninfee. All'inizio della sua carriera artistica Claude Monet ebbe grossi problemi economici, tanto da essere costretto a chiedere dei prestiti per poter sfamare la numerosa famiglia. Pian piano però arrivò il successo e il pittore impressionista poté comprarsi a Giverny una magnifica casa con un vasto giardino ed uno splendido laghetto sul quale, grazie ad una barca modificata per potervi alloggiare un grande cavalletto, l'artista dipingeva i suoi magnifici capolavori. La presenza di Monet nel paese fu da subito pregnante: grazie a suoi contributi vennero costruite opere e servizi come il lavatoio sul canale che, passando dal vecchio mulino, irrigava il laghetto. Una figura viva e partecipe quella di Monet, che finì per trasformare quel luogo e il suo paesaggio, così spesso ritratto nelle tele del pittore. "Un paesaggio ridotto a scenografia da supermercato" lo definisce una delle protagoniste del fumetto, a causa della miriade di turisti che ogni anno, dopo quasi un secolo dalla morte dell'artista (avvenuta nel 1926) vengono a Giverny in pellegrinaggio da tutte le parti del mondo.

ninfee nere1

Il fumetto è caratterizzato da un segno veloce e ruvido, che suggerisce quello di una matita grassa, ora più sottile ora più spesso per marcare e sottolineare piani e forme. Una pennellata piatta, apparentemente abbozzata e materica per ricordare i dipinti di Monet (anche se la tecnica utilizzata è quella del Pantone, che velocizza l'esecuzione, si integra perfettamente con il tratto e, per la sua immediatezza, ben si adatta alla tecnica pittorica degli impressionisti). La scelta stilistica predilige inquadrature e tagli particolari, molto fotografici, opta per soggetti con particolare contrasti di luce, sono i tipici giochi percettivi amati dagli impressionisti. L'autore mette a disposizione il suo stile, lo plasma e adatta alla necessità della storia, trasforma il suo segno in base alla esigenza narrative, ma senza tradirlo, senza trasformarlo in qualcosa d'altro. Al di sotto di ogni vignetta si può leggere con chiarezza la costruzione prospettica, il senso del volume che Didier Cassegrain sa donare ai suoi spazi, la forte carica recitativa di cui inonda i suoi personaggi, i tagli fotografici (introdotti, questo si, dagli Impressionisti in pittura), che conferiscono dinamismo e profondità a vignette e tavole illustrate.

Lo sceneggiatore Frédéric Duval avvia un'analoga operazione con il testo di Michel Bussi da cui è tratta la graphic novel. L'operazione di sintesi che Cassegrain ha fatto con l'immagine, Duval la applica alla parola: condensa il racconto senza banalizzarlo o diluirlo, suddivide il ritmo secondo tempistiche e scansioni differenti, trasforma la forza riflessiva della letteratura in quella ammaliatrice dell'immagine legata al testo, racconta con un linguaggio nuovo: il fumetto.

ninfee nere2

L'introduzione del libro, mentre presenta i personaggi e le situazioni, ci invita a riflettere sul medium e sull'operazione meta-linguistica messa in atto dai due narratori, lasciando che il nostro gusto estetico si possa compiacere di quanto fatto: la scorrevolezza ed immediatezza del testo, le affascinanti vignette che omaggiano, raccontando nello stesso tempo, uno dei gruppi più rivoluzionari della storia dell'Arte.

Ma appena si apre il primo capitolo, giustamente intitolato "Impressioni" (citando molti lavori degli impressionisti, ed in particolare quel quadro di Monet "Impressioni, levar del sole" che, esposto nella prima mostra del 1874, al gruppo fini per affibbiare il nome), la forza del racconto prende il sopravvento ed il lettore viene immediatamente trascinato nell'intrigante psicologia dei fatti e dei personaggi. Galleggiando sull'acqua pigra di un ruscelletto, il cadavere di Jérôme Morval rompe l'idillio delle prime immagini e porta in campo il giallo del racconto. Eppure la sua comparsa trasmette piuttosto un senso di mistero e tragedia delicato, quasi come l' "Ofelia" del pittore preraffaellita John Everett Millais.

ninfee nere3

Poi c'è l'ispettore di polizia Sérénac Laurenç, che ci pare assomigliare tanto a Dylan Dog e, esattamente come l'indagatore dell'incubo, finisce per innamorarsi del possibile assassino, la bella maestrina. Lui che dovrebbe rappresentare la legge, la razionalità che vince sull'orrida bestialità della depravazione umana, si lascia coinvolgere dai sentimenti. E' la sua spalla invece, Sylvio, a incarnare il ruolo del poliziotto che osserva i dettagli, raccoglie i particolari, paragona le prove, organizza un metodo di studio e comparazione dei fatti per cercare di dipanare la matassa dietro la quale si nasconde il colpevole. A differenza delle spalle bonelliane come Cico e Gruocho, ironiche, comiche e combina guai, Sylvio è il contro-altare di Laurenç. Ma neppure lui riuscirà alla fine a trovare chi ha ucciso il povero Jérôme Morval. Che poi tutt'altro che povero è, come scopriremo: una felice carriera gli ha permesso di raccogliere una discreta fortuna e uno dei suoi sogni è quello di possedere un originale di Monet. Ma Morval è anche un appassionato di donne e alcune fotografie recapitate misteriosamente alla polizia lo incastrano con diverse ragazze in momenti un po' troppo intimi. Che vi sia un movente amoroso dietro l'assassinio di Morval? E chi è James, il pittore americano che dipinge le sue tele solitario nella campagna di Giverny? E il signor Kandy, mercante d'arte che ha avuto dei rapporti commerciali con la vittima, che ruolo ha in tutta la vicenda? Attraverso personaggi e vicende sempre più intricate il racconto ci cattura e trascina senza darci tregua, illudendoci di aver trovato una soluzione, intuito uno spiraglio. Perché il vero protagonista del racconto è proprio lui, il racconto stesso, ovvero le modalità con le quali Michel Bussi ha congegnato la struttura del suo romanzo e Frédéric Duval l'ha trasformata in fumetto. Il vero segreto dell'assassinio di Jérôme Morval sta tutto qui... ma naturalmente lo scopriremo solo nel colpo di scena finale!

La bellezza di questo racconto è il racconto stesso, esattamente come la bellezza della pittura di Monet era la pittura stessa.

 Articolo di Marco Feo

ninfee nere4

 

B.P.R.D. inferno sulla terra - L'orrore di Pickens County e altre storie.

Storia di Mike Mignola e Scott Allie, disegni di Jason Latour, colori di Dave Stewart.

Volume 5

Magic Press, 2016

In questa storia Mike Mignola e la sua squadra di autori, non affrontano rane devastanti e invasioni di strane creature, ma bensi vampiri. Scopriremo  però che le vicende narrate nel racconto non sono poi cosi staccate dai problemi con cui gli agenti del paranormale del B.P.R.D. sono soliti combattere. Le vicende si svolgono dopo che Liz Sherman ha distrutto con i suoi poteri pirici l'esercito di rane e la Fiamma Nera in Aghartha. Grazie al suo coinvolgimento in prima linea in problematiche ormai evidenti agli occhi di tutto il mondo, il Bureau for Paranormal Research and Defense, in collaborazione con i colleghi russi, ha assunto sempre più importanza. Liz e Abe Sapien sono fuori gioco, la responsabilità di missioni sempre più impegnative ricade su Kate Corrigan, Johann con la collaborazione di agenti meno importanti, o forse semplicemente più "normali" del gruppo.

BPRP001

Tutto ha inizio a Pickens County nel South Carolina. Da una settimana, al calar del sole, da un versante della collina scende una fitta nebbia verdastra. E' un fenomeno insolito ma la gente lassù si ammala e muore. Gli agenti Vaughn e Peters incominciano ad indagare e trovano strani funghi radioattivi, ma soprattutto scoprono loro malgrado che insieme alla nebbia delle sagome nere si muovono lente e con uno strano incedere spettrale: sono vampiri. In una vecchia catapecchia ricoperta da rampicanti amorfi ed infestanti sopravvive ancora l'ultimo vampiro della Madelyn Rose, la nave con cui nel dicembre del 1773 vennero mandati dal vecchio continente casse con vampiri prussiani, terribili mercenari inviati dagli inglesi per soffocare la rivolta coloniale. Da allora i vampiri di Pickens County sotterrano i loro morti contaminati nella terra della collina, in attesa dell'apocalisse vampirica, il giorno in cui tutti i non-morti si risveglieranno per conquistare il genere umano.

BPRP002

BPRP003

Il segno netto e tagliente di Jason Latour insieme ai colori acidi di Dave Stewart creano una fobica atmosfera che ben si addice al racconto. I colori sapidi e stesi in maniera pop, aggiungono un alone ectoplasmatico unico e ben allineato con il ritmo e l'ambientazione del racconto. Ancora una volta un altro centro del team artistico costruito da Mignola!

Articolo di Masco Mor


B.P.R.D. “Hell on Hearth Volume 5: “The Pickens County Horror and Others” copyright Mike Mignola

B.P.R.D.™ Hell on Earth Volume 5: The Pickens County Horror and Others ©2012, 2013, 2016 Mike Mignola. Abe Sapien™, Hellboy™, Johann1", and ali other prominently featured characters are trademarks of Mike Mignola. Dark Horse Bookse and thè Dark Horse logo are registered trademarks of Dark Horse Comics, Inc. Ali rights reserved.

Ibis bookcollects thè comic-book series B.P.R.D. Hell on Earth: The Pickens County Horror #1-2, B.P.R.D. Hetton Earth:The Transformation of J.H. O'Donnelland B.P.R.D. Hell on Earth #103-104, originally published by Dark Horse Comics.