Articoli

Benvenuti nella sezione Articoli  di Encicomix.

←  Scegli, nel menu a fianco, l'articolo che vuoi ricercare.
di seguito le ultime schede modificate

E se... Wolverine fosse divenuto il signore dei vampiri?

Star Magazine n. 18 - marzo 1992

Come i più appassionati di voi sapranno, sui numeri 45 e 47 dell'Uomo Ragno (edizione italiana della Star Comics), Dracula si scontra con gli X-MEN nel Central Park di New York. Purtroppo di fronte alla forza maligna del re dei vampiri a nulla valgono i poteri mutanti dei nostri X-eroi. Colosso, Wolverine e Nightcrawler soccombono dinnanzi al nero signore della notte. Ororo viene ipnotizzata da Dracula che le comanda di uccidere i suoi amici mutanti. Poco prima che venga sferrato il colpo mortale, i sentimenti di Tempesta, ridestati da Kitty Pride, prevalgono sui suoi incubi più malvagi, permettendo alle due donne mutanti di scacciare momentaneamente l'incarnazione diabolica di Vlad III principe di Valacchia.

Per distruggere definitivamente il famoso personaggio inventato dalla penna dell'irlandese Bram Stoker, il Dottor Strange riesce prima a trovare e poi a leggere ad alta voce il Darkhold, il mitico volume nero contenente la formula magica che il monaco Montesi aveva creato molto tempo prima, per distruggere i vampiri.

wolverine001

Ma se Dracula avesse invece bevuto il sangue di Ororo fino ad ucciderla per poi resuscitarla nelle spoglie di non morto, chi avrebbe salvato gli X-MEN? E' ciò che si chiede l'Osservatore nella storia intitolata "E se Wolverine fosse diventato il signore dei vampiri?" (pubblicata in Italia sul numero 18 della rivista Star Magazine della Star Comics nel marzo del 1992).

Dopo aver sconfitto e vampirizzato Ororo, Dracula trasforma in vampiri tutti i mutanti, pensando di essersi assicurato dei validi servitori. Non ha fatto i conti con il carattere di Wolverine: la forte volontà e l'animo selvaggio di Logan permette al mutante con gli artigli di adamantio e il poter rigenerante, di resistere al controllo mentale del signore dei vampiri e di impadronirsi velocemente delle sue strategie d'attacco (trasformarsi in nebbia, in lupo o pipistrello). I due avversari si contendono il titolo di re dei vampiri fino a che il mutante vampirizzato riesce a tagliare la testa del suo avversario con i suoi micidiali artigli. In questo modo Wolverine eredita i poteri e la malvagità di Dracula, di tutte le sue vittime e anche del suo predecessore Varnae, cancellando dentro di se ogni sentimento umano.

wolverine002

Il regno di Wolverine vampiro ha inizio: trasforma in vampiri tutti i mutanti buoni o criminali, costituendo così un potentissimo esercito di non morti che mette ben presto a ferro e fuoco la città di New York. Dottor Strange, l'unico super eroe rimasto nelle vie ormai deserte di Manhattan, sta cercando di decifrare la formula di Montesi, l'unica in grado di fermare i vampiri, quando cade in un tranello tesogli da Logan: attratto dalla luce rossa del rubino di Cyttorak viene colpito mortalmente da Fenomeno. Per assicurarsi che non riesca a tornare in vita grazie a qualche trucco di magia, Wolverine getta il suo corpo in pasto a famelici alligatori albini. Lo spirito di Stephen Strange non potendo rientrare nelle sue spoglie mortali, vaga disperato nella città devastata dai non morti, fino a che trova l'ultimo combattente ancora in vita, l'unico uomo (tra l'altro senza super poteri) che non e' ancora caduto preda dei vampiri: Frank Castle... il Punitore! Unendo la sua mente e le sue conoscenze magiche all'abilità nella lotta e nell'uso delle armi del Punitore, il Dott Strange riesce a raggiungere il libro Darkhold custodito nella sua casa. Qui ha luogo un terribile scontro fra il Punitore, guidato dalle arti magiche di Strange e Wolverine. Il mutante vampirizzato ha la meglio, ma nella lotta viene uccisa incidentalmente anche Kitty Pryde proprio dagli artigli di Logan. Sovverchiato dal dolore per la morte della sua amica, nell'animo di Wolverine si ridesta un ultimo bagliore sopito di umanità grazie al quale l'eroe riprende il controllo sulla bestia. Guidato e spronato dallo spirito di Strange sarà lo stesso Logan a pronunciare le frasi del libro nero: nonostante le atroci sofferenze, mentre il suo corpo si sbriciola a causa delle sue stesse parole, il mutante pone fine ai suoi terribili crimini, eliminando se stesso e tutta la progenie dei vampiri.

Fra i molti What if della casa delle idee, questo è a nostro singolare giudizio, uno dei più riusciti: sia per l'originalità della storia che per l'incalzante ritmo narrativo. Ottima anche la performance grafica di Tom Morgan che si occupa dei disegni.

wolverine003

 

Caratteristiche tecniche:

Roy Thomas e R.J.L. Lofficier storia

Tom Morgan disegni

Fabio Ciacci lettering

Tom Vincent colori

Craig Anderson e Tom De Falco supervisione

P. P. Ronchetti traduzione

Storia di 28 pagine

Storia originale: "What if... Wolverine had become the lord of vampires?" - da What if...? 24 aprile 1991

wolverine004

 

 Il copyright delle immagini è dei rispettivi autori o detenenti diritti.

 


 Ulteriori approfondimenti:

Vedi la scheda dell'autore: Morgan Tom

 

Nosferatu

di Paolo D'Onofrio

Nicola Pesce editore si è distinto negli ultimi anni per aver saputo proporre un catalogo editoriale molto eterogeneo ma sempre caratterizzato da scelte intelligenti e di qualità. Dagli albi cartonati dedicati ai grandi autori del fumetto italiano (Dino Battaglia, Sergio Toppi,  Ivo Milazzo, Benito Jacovitti e molti altri), ai volumi di saggistica, ai libri che sanno miscelare il linguaggio del fumetto con temi collegati alla televisione, al cinema e ad altre forme del nostro immaginario narrativo.

Da poco la casa editrice di Battipaglia ha dato alle stampe un’interessante pubblicazione dedicata ad una delle più celebri figure del genere horror: il vampiro, ma non uno qualsiasi, bensì niente popò di meno che Nosferatu!

La figura del vampiro può essere rintracciata, in varie forme, leggende e superstizioni nel folclore di moltissime culture occidentali e orientali: Vrykolakas in Grecia, strigoi in Romania, vampir in serbo, vampyre in francese, vampire in inglese, ubyr in turco (significa strega), Upir' in russo antico, wąpierz in polacco. Il dannato signore della notte sembra aver da sempre terrorizzato le notti di tutti i popoli. Ritroviamo il concetto di vampirismo addirittura nella cultura mesopotamica, in quella ebraica, greca e romana.

nosferatu1

Eppure, nell’immaginario contemporaneo sono stati due racconti ad averne caratterizzato, in maniera indelebile e fondamentale, l’aspetto e la fama: “Dracula” di Bram Stoker (a partire dal romanzo fino alle sue molteplici re-interpretazioni o ispirazioni letterarie e cinematografiche) e “Nosferatu” di Friedrich Wilhelm Murnau. Questa pellicola del 1922 è stato il primo tentativo di interpretare, attraverso il linguaggio cinematografico, il fascino e l’orrore del vampiro stokeriano.

Murnau, insieme al suo produttore Albin Grau e allo sceneggiatore Henrik Galeen si ispirarono direttamente al romanzo di Bram Stoker ma cercarono di eludere i vincoli del diritto d’autore cambiando il titolo del film e modificando alcuni aspetti della trama. Il riferimento rimase però palese tanto che la vedova dello scrittore citò in giudizio la produzione, vincendo e costringendo il regista e il produttore alla distruzione fisica di tutte le pellicole in circolazione. Forse a causa di questa sorte burrascosa, la storia di Nosferatu incominciò a caricarsi di mistero e di un particolare alone di fascino morboso. La pellicola sarebbe andata sicuramente perduta ma, per nostra fortuna e per tutti gli estimatori del cinema, il regista ne conservò una copia di nascosto.

Albin Grau non fu semplicemente il produttore del film ma si occupò anche di realizzare una serie di bozzetti (ispirata in parte alle illustrazioni di Hugo Steiner-Prag realizzate per il romanzo “Golem” di Gustav Meyrink) dai quali prenderà forma la tetra figura di Nosferatu che tanto avrà successo, divenendo un punto di riferimento per moltissimi artisti e registi. Grau era un occultista, ben considerato nell’alta società tedesca di quegli anni, ed aveva fondato la sua casa di produzione Prana proprio per realizzare pellicole sulle figure dei mostri della letteratura occidentale. Purtroppo la causa degli Stoker farà fallire i suoi progetti sul nascere. Per aumentare la popolarità del film Grau incominciò a diffondere la notizia che Max Schreck, l’attore interprete di Nosferatu, fosse un vero vampiro che lui e Marnau avevano scoperto nei Balcani. La leggenda incominciò a diffondersi infondendo ulteriore mistero sull’attore e su questa pellicola maledetta e nello stesso tempo tanto affascinante.

nosferatu2

Il nome del vampiro, nella versione di Marnau, si trasforma da Dracula a conte Orlok, ma diventa Nosferatu per ricordare la sua essenza di non morto (non spirato). Il terrificante nome si collega anche alla terribile piaga della peste. Nella seconda parte del film infatti i topi trasportati nelle bare con cui il terribile Orlok trasporta la terra del suo paese (il vampiro per sopravvivere deve riposare durante il giorno  in una bara a contatto con la terra natale), invadono la città di Wisborg, in cui Nosferatu si è trasferito, diffondendo il terribile e devastante contagio (la peste nel film diventa metafora di un sentimento dilagante in quegli anni in Germania, un male sordo e canceroso che la società percepiva dal basso. Orlok interpreta, in maniera più o meno consapevole da parte del regista, le ambiguità e le profonde inquietudini che porteranno la Germania alla seconda guerra mondiale).

Jonathan Harker si trasforma in Hutter, ma il suo ruolo ed il mestiere rimangono gli stessi del romanzo. E’ piuttosto lavorando sulla figura di Mina (che nella pellicola viene ribattezzata Ellen) che Marnau muta la trama originale: è attorno a lei che ruota tutta la storia, modificando il finale della pellicola e valorizzando la sua figura femminile, coraggiosa e saggia, come chiave risolutiva dell’intera vicenda. Sarà infatti proprio la scelta di Ellen a donare alla storia un particolare aspetto romantico, forse mai più raggiunto da tutte le successive interpretazioni che ne hanno tentato di ricostruire il dramma. La forza della seduzione e dell’amore traggono il vampiro in trappola e lo sconfiggono. Ellen infatti (per chi non avesse mai visto il film nelle prossime righe ci sarà uno spoiler) invece di scappare e ribellarsi di fronte alla deformità del mostro, lo trattiene al suo capezzale fino all’alba. La luce del sole lo sorprende distruggendo il conte vampiro. Le deboli luci e  i contrasti fortemente espressivi su cui è giocata la pellicola ci suggeriscono però anche un’altra interpretazione e cioè che sia lo stesso vampiro a scegliere di morire pur di vivere (seppur per un attimo) l’illusione dell’amore donatogli dalla donna.

Per tutti questi motivi il film rappresenta un caposaldo della cinematografia, lodato e apprezzato dalla critica. Ne viene fatto un remake con “Nosferatu, il principe della notte” (nel 1979) da Werner Herzog, affiancato dalla surreale ed imbattuta recitazione di Klaus Kinski. In seguito il mito viene nuovamente rincorso con il film “Nosferatu a Venezia”, ambientato in Italia, con la regia di Augusto Caminito, sempre con Klaus Kinski nelle vesti del terribile vampiro. Ma la recitazione dell’attore e le atmosfere della magica città lagunare non permettono alla pellicola di eguagliare il genio di Herzog. Nel 2000 “L’ombra del vampiro” di Elias Merhige, è un vero e proprio tributo all’opera di Marnau (con John Malkovich e Willem Dafoe nei panni dell'angosciante attore pseudo-vampiro Max Schreck).

Remake, tributi e omaggi si susseguono frequenti e numerosi, sia ispirandosi all’estetica fortemente espressiva della pellicola che al genio registico di Marnau, che alla figura emblematica e pestilenziale del glabro conte Orlok.

nosferatu3

Il giovane fumettista Paolo D’Onofrio dedica un riuscito omaggio al mito di Nosferatu, ridisegnando alcuni fermo-immagine della pellicola di Marnau, soffermandosi addirittura sulle didascalie che scandivano la visione filmica muta, per ricostruirne l’identica temporalità e scansione narrativa. Il fascino delle ombre e dei contrasti di luce viene interpretato da D’Onofrio con un deciso segno a sanguigna (tecnica che immaginiamo non sia stata scelta casualmente) su una carta dall’effetto pergamena che suggerisce il senso di vecchio e consunto. Nonostante lo stretto contatto con l’immagine della ripresa, D’Onofrio dimostra di conoscere molto bene il linguaggio del fumetto (oltre alla celebre pellicola di Marnau) e riesce sapientemente a interpretare le inquadrature assemblandole in un riuscito montaggio della tavola a fumetti. In questo modo il volume, pur rimanendo una fedele trasposizione dell’originale filmico, acquista autonomia e originalità. Il contorno delle vignette, viene lasciato come se fosse ancora in costruzione, quasi a suggerire il disegno preparatorio.

Quello di D’Onofrio è un segno a volte sottolineato con forza, geometrico e forzato per rimarcare alcune espressioni o dettagli, altre volte lasciato appena visibile, grezzo, fortemente materico, non finito, abbozzato per ricreare quell’incertezza e vanità di chiaroscuri tipica delle riprese e degli effetti di Marnau. Il tratto volutamente manuale, il tratteggio a volte evidenziato altre appena accennato, non stona con i minimi interventi grafici realizzati in computer grafica: la carta-pergamena del fondo, il testo e le didascalie con le cornicette decorative riprese anche attorno al numero di pagina, il font che richiama quello corsivo utilizzato nella proiezione cinematografica. Il risultato finale è un ibrido molto particolare, che richiede una lettura decisamente al di fuori degli schemi del fumetto a cui siamo abituati. Un fumetto muto che si avvale di didascalie esplicative, esattamente ciò che il fumetto contemporaneo ha eliminato in quanto lento e poco immersivo. Viene dimostrato qui il contrario, ovvero come scelte narrative particolari possano essere ugualmente di forte impatto e mantenere il fascino che già un secolo fa avevano saputo raggiungere il regista tedesco e il suo vampiro.

La pubblicazione a fumetti può quindi venir letta tranquillamente sia da chi conosce l’opera filmica (che ritroverà con piacere l’atmosfera tipica dell’espressionismo tedesco) e da chi invece non l’ha mai vista, grazie all’autonomia che il giovane autore riesce a donare alle pagine del volume. E vi assicuriamo che terminata la lettura del libro nascerà in voi il desiderio di andare a recuperare l’originale.

nosferatu4