webcomics

Witch in love

di Giovanni Manzoni P. e Sonia Aloi

strega1

strega2

strega3

strega4

strega5

strega6

Il copyright delle immagini è dei rispettivi autori o detenenti diritti.


Ulteriori approfondimenti:

 Scheda autore: Aloi Sonia

 

Il mestiere del giornalista

di Giuseppe Ardagna

Internet e le nuove tecnologie digitali hanno mutato profondamente il mondo che ci circonda. Forse fra tutte le professionalità il giornalismo è quella che più ha risentito di questo cambiamento. Ecco come lo racconta Giuseppe Ardagna.

gionpag1

gionpag2

gionpag3

gionpag4

gionpag5

gionpag6

 

Il copyright delle immagini è dei rispettivi autori o detenenti diritti.


Ulteriori approfondimenti:

 Scheda autore:  Ardagna Giuseppe

 

Gaetano... eroe napoletano!

di Giuseppe Ardagna

Video mare ... quant'è bello! Sprizza tanto sentimento... e con Gaetano eroe napoletano c'è più gusto assai!

gaetano1

gaetano2

gaetano3

gaetano4

Il copyright delle immagini è dei rispettivi autori o detenenti diritti.


Ulteriori approfondimenti:

 Scheda autore:  Ardagna Giuseppe

 

Gommo: Percloroetilene

di Alberto Lavoradori

Il sistema Egeos 510 è costituito da ventuno continenti separati da un oceano ad anello chiamato Griglia Blu. Nell’oceano i continenti distano tra loro in media un milione di miglia marine. Nel sistema Egeos 510 la Federazione Nautica Mercantile gestisce i collegamenti tra i conti-nenti in regime di monopolio assoluto.La Griglia Blu é disseminata d’aree inesplorate: le Downlands. Queste terre, considerate non sfruttabili dal punto di vista economico, sono ignorate dalla Federazione Nautica Mercantile.Gommo pilotava un Cargo (model-wal-nut). Prima di naufragare lavorava per la Federazione Nautica Mercantile, solcando le rotte tra i continenti G, H e I. Il suo Cargo è stato travolto e dis-trutto da una tempesta Random. Gommo vaga in una non precisata Downland, affiancato da Snail, l’estensione organica della sua tuta.

SLOP

di Alberto Lavoradori

Continuano le pillole di Acre ad opera del visionario Alberto Lavoradori. Il morbo sta dilagando... spandendosi come un cancro nel mondo marcio dominato da pressioni d'olio, d'odio e morte. Ma le macchine bio-mutanti stanno evolvendo e ormai si annidano in qualsiasi cespuglio... solco... anfratto... buco...

Tail

di Alberto Lavoradori

Shitland

di Alberto Lavoradori

Rimasto molto a livello d'idea, di bozza, forse concepito in un momento di crisi esistenziale, o se non altro di disgustato pessimismo, Shitland (letteralmente "la terra della merda" o "la landa merdosa") prevede un pianeta terra del lontano futuro dove l' uomo è così impegnato a consumare e produrre rifiuti (principalmente feci ed altre porcherie organiche) da essere semplicemente diventato parte del paesaggio, ormai anch'esso costituito, è chiaro, da rifiuti, residui ed escrementi. L' uomo come vittima del proprio orgasmo consumistico, o forse del proprio tocco da Re Mida Inverso (tutto ciò che tocca si trasforma in poltiglia, e ciò è terribilmente vero!), costretto a convivere, fino ad integrarsi fisiologicamente, col flusso di escrementi (più o meno simbolici) che continua a produrre.